Tartufi, paella e Fiorentina: ricetta di un intrigo di mercato

 di Fabrizio Biasin Twitter: @FBiasin  articolo letto 5579 volte
Tartufi, paella e Fiorentina: ricetta di un intrigo di mercato

 

 

 

Ogni riferimento a persone e luoghi POTREBBE non essere casuale.

Nel noto paese conosciuto come Alboa, la specialità è il tartufone.

Lì, lo scorso 26 febbraio, il noto calciatore Paolo Dibolla pare si sia attavolato con Fiorenzo Perozzi, celebre e celebrato presidente pallonaro avvezzo alla paella.

Non è dato sapere cosa si siano detti i due, fatto sta che il Perozzi, giunto nella cittadina di Neapolis per una partita della sua squadra appena qualche tempo dopo, abbia confidato a taluni potenti personaggi dalla lingua lunga: 

- Mi piace molto il Dibolla, quasi più della paella.

Voci di corridoio, ovviamente NON confermate, dicono che la trattativa per il rinnovo del contratto del Dibolla sia tuttora “viva” e “probabile”, il che dovrebbe tranquillizzare i tifosi della Gioventude, sua attuale squadra.

In ogni caso i dirigenti della Gioventude stessa, per mere questioni precauzionali, pare abbiano seriamente preso in considerazione la possibilità di arrivare a Teodorico Bernardoni, talentissimo della Fiorentella, il quale in queste ore era dato come potenziale obiettivo dell'Internazionata.

Fine.

Giuro che non abbiamo bevuto. Per il momento.

© 2017 Il Senso del Gol